Kythnos, l’isola meno conosciuta delle Cicladi tutta da scoprire

Kythnos è l’isola della semplicità e dell’ospitalità, così recita il cartello della municipalità al porto di Merichas e che incontrerete appena sbarcati dal traghetto in arrivo dal Pireo o da Lavrio. Qualche giorno sull’isola e avrete voi stessi modo di scoprirlo perché Kythnos è questo e molto altro ancora. La prima del gruppo delle Cicladi per quanto riguarda la vicinanza ad Atene, non gode ancora della fama di isole decisamente più note quali Santorini, Mykonos, Paros o Milos, tanto per farne alcuni esempi. Ci si arriva in traghetto dal Pireo (indicativamente da metà maggio a metà ottobre, durata dell’attraversata 3h circa) durante la stagione turistica o da Lavrio (collegamenti tutto l’anno, poco frequenti d’inverno, durata 1h50min circa). A Kythnos si sbarca a Merichas, grazioso porticciolo con varie taverne, un paio di forni e un numero discreto di alberghi/studios.

kythnos map

Kythnos vi sorprenderà con delle bellissime spiagge di sabbia e le tipiche sfumature di blu che i frequentatori delle Cicladi conoscono ormai molto bene. Ma Kythnos è questo e molto altro: un insieme di incantevoli villaggi tradizionali di cui vi parlerò in dettaglio, una rete ben sviluppata di percorsi di trekking che collega le principali attrazioni dell’isola, offrendo dei panorami indimenticabili; Kythnos vuol dire terme, quelle del Re Ottone e della Regina Amalia (la prima coppia reale della Grecia contemporanea) a Loutrà, la cui fama dovuta alle proprietà curative di condizioni reumatiche, artritiche e dei problemi di infertilità supera i confini nazionali.

Il capoluogo Kythnos (Chora) è un villaggio di altri tempi, che ti conquista fin da subito con il suo intreccio di vicoli stretti, a volte bianchi, a volte coloratissimi e che ad ogni angolo riservano una sorpresa: dalla piazzetta centrale che ospita diversi coloratissimi kafeneia, alle chiese i cui canti, nei giorni di festa, ti guidano da lontano fino a farti scoprire un ambiente unico. Una delle caratteristiche di Chora è rappresentata dall’abbondanza di disegni sul pavimento, particolari e intriganti, sulle pareti o sui vasi di fiori ornamentali sparsi in giro per il villaggio. Negli ultimi anni, sta diventando sempre più noto il lavoro di una signora del posto, ormai in pensione, che dedica il suo tempo a disegnare sulle pareti esterne della propria casa e di quelle dei vicini… il risultato? Lo vedrete voi stessi e sicuramente non lo dimenticherete presto! La cosa migliore da fare a Kythnos? Girarla a piedi, con calma e con tante soste nei vari caffè, nei piccoli negozi tipici, nelle taverne, in piazza o nei bar di altri tempi… perché si, il tempo qui sembra essersi fermato! Sentire i profumi, salutare la gente del posto, molto accogliente e da sempre una fonte incredibile di informazioni e conoscenza, concedersi il tempo di vivere il villaggio, con i suoi tempi e le sue dinamiche.

Dryopida, il secondo tra i villaggi caratteristici di Kythnos è l’unico villaggio delle Cicladi in cui, per scelta, non esistono alberghi/studio/affittacamere. Ubicato proprio al centro dell’isola, tra due vallate che lo proteggono dal vento, è anche l’unico villaggio non visibile dal mare e pur essendo un villaggio cicladico tradizionale, vi stupirà con delle casette a due piani con tegole rosse, architettura non tipica del resto delle Cicladi. Indimenticabile la gentilezza dei suoi abitanti pronti ad accogliervi sempre con un sorriso e tanta curiosità.
Da non perdere la visita delle grotte di Katafyki, che si trovano all’interno del villaggio ed sono le grotte più grandi delle Cicladi nonché tra le più grandi della Grecia. Un’altra attrazione importante è il Museo Ecclesiastico e Bizantino allestito all’interno della piccola chiesa di Ag. Georgios e che ospita una piccola raccolta di icone e oggetti ecclesiastici tradizionali.

Merichas, il villaggio porto dove arrivano tutti i traghetti, è uno dei punti da dove partono in stagione diversi giri turistici in barca, escursioni o taxi boat diretti alle varie spiagge. Tante taverne, un paio di forni i cui profumi invitanti sapranno guidarvi da lontano e che rappresentano il posto migliore per provare le tipiche pite dolci a base di ricotta locale.

Loutrá è forse la località più vivace e frequentata di Kythnos, sia abbiate scelto di girare l’isola via terra, sia che abbiate optato per il noleggio di una barca a vela. Bellissimi alberghi/studios caratteristici con vista mare, dove l’aperitivo al tramonto o la colazione vista mare sono d’obbligo, cocktail bar o invitanti taverne sulla spiaggia dove godersi non solo i piatti della cucina tradizionale greca ma anche degli ottimi piatti di pesce o della cucina internazionale, mangiando letteralmente con i piedi nella sabbia. È inoltre la località più indicata per fare due passi dopo cena o godersi un bel cocktail in riva al mare.

Una delle attrazioni principali di Loutrà è rappresentata dalle terme: da un lato della spiaggia troverete quelle gratuite, all’aperto, dove l’acqua termale scende fino ad unirsi a quella del mare (poiché sono all’aperto, sono frequentatissime anche fuori stagione), mentre a pochi metri di distanza c’è lo stabilimento termale vero e proprio, con apertura stagionale e gestito dall’ente del turismo (purtroppo nel periodo in cui ho visitato l’isola, nel mese di ottobre, era chiuso). Conosciutissime grazie alle proprietà curative di condizioni reumatiche e artritiche e dei problemi di infertilità, sono molto frequentate sia da greci, sia da turisti.

Ag. Irini, non lontano da Loutrá, è un piccolo villaggio sul mare che vale decisamente la pena visitare. Ospita poche taverne (incluso uno dei ristoranti più noti della Grecia, diventato famoso qualche anno fa grazie al matrimonio di una star della tv greca festeggiato proprio qui), poche casette pittoresche, delle barche da pesca legate al molo e a largo e la chiesetta di Ag. Irini, sulla spiaggia.

Le spiagge di Kythnos sono tantissime, più grandi o più piccole, facilmente raggiungibili o remote, quasi tutte di sabbia e quindi adatte anche per famiglie con bambini. Ag. Dimitrios, Ag. Sostys, Episkopi, Apokrisi, Kanala sono soltanto alcuni nomi. La più conosciuta nonché una delle più fotografate delle Cicladi è la famosa Kolona Beach, ovvero una striscia di sabbia in mezzo a due baie che collega Kythnos all’isolotto di Agios Loukas. L’omonima Kolona Beach Bar & Taverna con una vista spettacolare sulla spiaggia offre un ricco menu dalla colazione fino a cena, con musica e dj live. Concedersi un cocktail al tramonto è un must.

La struttura arida di Kythnos la rende un’isola molto interessante per quanto riguarda i percorsi di trekking: la scoperta a piedi dell’entroterra è consigliatissima per gli appassionati delle lunghe camminate. Un percorso di 2h circa, senza particolari difficoltà, vi porterà da Episkopi (la spiaggia non lontana da Merichas) fino alla famosa Kolona Beach, ritrovandovi ad ammirare dei panorami mozzafiato.
Un altro percorso molto interessante e quello che porta da Kythnos (Chora) fino a Loutrà, passando per Ag.Irini. Con un po’ di fortuna, capiterà anche a voi il signore appena fuori Chora che vedendovi passare davanti casa sua uscirà per farvi assaggiare dello tsipouro o del vino di sua produzione. Non li vende, è semplicemente il suo modo di accogliere i visitatori, greci o stranieri, della sua amata isola.
Questi sono soltanto due dei percorsi di trekking disponibili sull’isola e che io stessa ho provato. Mentre il primo è abbastanza ben segnalato, per il secondo manca a volte la segnalazione e quindi consiglio di farsi accompagnare da una guida di trekking locale, per evitare di girare intorno a dei muretti a secco senza poterli scavalcare.

Come arrivare:

  • in traghetto dal porto di Pireo (durata 3h circa) o Lavrio (1h50min circa)

Dove dormire:

Dove mangiare:

  • a Loutrà – Sofrano Yachting Club Restaurant: taverna sulla spiaggia, cucina greca tradizionale abbinata a ottimi piatti di pesce e della cucina internazionale.
  • a MerichasTaverna Byzantio – cucina tipica dell’isola, imperdibili le sfougato, delle crocchette di formaggio tipico di Kythnos.

OneWayTicketToGreece ha visitato Kythnos a ottobre 2018 per un programma di trekking dell’isola di Kythnos, insieme all’Ekdromes Club di Atene.

                    Se vi è piaciuto il post, condividetelo e continuate a seguirmi anche su                          Facebook o Instagram @onewaytickettogreece!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...